Nudo e GraphicArt - Imagine

Vai ai contenuti

Menu principale:

Nudo e GraphicArt

Promo/Novità

Le foto di nudo provengono da scansioni di diapositive, ancora rimpiangiamo il Cibachrome, mentre per la grafica usiamo immagini nostre o scaricate da internet in bassa risoluzione, rimaneggiate con programmi Wavelet. Alcune immagini erano originariamente in bianco e nero, colorate a mano con Painter e airbrush Wacom Cintiq, e montate in camera chiara con vecchie immagini risalenti agli albori della computer grafica; quando Lightwave era alle prime armi ed esisteva "Imagine", un programma della Impulse ed un computer meraviglioso che si chiamava Amiga. Oramai è cambiato tutto, una volta con 8 mb di ram si volava, ora non ne bastano 32 giga e schede grafiche dedicate con 4 giga di ram. Prima si scattava su pellicola, con un Kodachrome 25 asa inarrivabile, ora si scatta solo in digitale. Certo dal digitale non si torna più indietro, i tempi di elaborazione sono molto minori, basti pensare alle mascherature in camera oscura, mentre oggi si fanno molto più comodamente seduti dietro una scrivania. Basti pensare alle elaborazioni di stampa di Franco Fontana che a volte portavano al laboratorio dei tempi lunghissimi, mentre oggi si fa tutto dietro lo schermo di un computer.
I programmi da noi usati per il fotoritocco sono vari, da Eclipse a Photopaint per alcuni effetti, a plugin dedicati, a Painter, a Terragen, o a Digital Fusion per la comodità di lavorare in tempo reale con file di grandi dimensioni, a programmi per la rimozione parziale del rumore di fondo, mentre il montaggio su più livelli lo facciamo sempre in Photoshop per comodità d'uso.
Solo una cosa rimpiangeremo per sempre, la magia del momento della stampa, quando nelle bacinelle iniziavano ad apparire le immagini che poi avrebbero fatto bella mostra di se nelle mostre, quello era un momento magico che purtroppo non ritornerà più... Speriamo che le foto interessino non solo per l'acquisto, nella pagina dei contatti potete scriverci anche le vostre impressioni, le critiche servono per migliorarci. Un abbraccio a tutti.

 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu